Tel. 049 8723383 Cell. 348 2727311

segreteria@ginecologogambatomario.it

Adolescenza & Counseling genitoriale

Gli adolescenti  attuali sono socialmente precoci .

Sono stati inseriti  nella  rete delle  relazioni con i coetanei  in età precoce e si sono  abituati ad avere vicino per molte ore al giorno compagni di classe, di squadra, di gioco.

Fra le tante proposte di amicizia scelgono quelle che permettono  più  intimità, divertimento e  fedeltà.  Si  abituano  a sperimentare verso gli amici  sentimenti intensi di devozione,   poiché

la  relazione amicale risolvere il problema  della solitudine , della noia , anche della  tristezza.

Generalmente  all’inizio della seconda media , quando la maggioranza dei ragazzi è sessualmente maturata, si formano le prime coppie etero sessuali, che si differenziano dai legami  di  gruppo

per la qualità degli affetti in gioco e per la componente erotica che calamita i due componenti.

L’  amore adolescenziale  ha  aspetti invariati rispetto alle generazioni  precedenti, ma anche

caratteri di novità.

Gli adulti, a contatto educativo con i ragazzi,  rimangono spesso sconcertati dallo  scarso romanticismo espresso dalla giovanissima coppia.

Sia il maschio che la femmina non sembrano “ preda” di immani  idealizzazioni e  di masochistiche sottomissioni, finalizzate ad ottenere la  reciprocità  amorosa caratterizzante l’

 amore romantico: sofferto, devoto e  sacrificale.

I  giovani innamorati vengono attratti dalla speranza che  l’intimità con quel ragazzo o quella ragazza aiuti a realizzare il  proprio progetto  di crescita e di esplorazione  del mondo.

I giovani  hanno una scarsa propensione  a mettersi al servizio dell’oggetto d’amore e

auspicano che ci sia una paritetica collaborazione  nel risolvere la questione del  piacere,

del  divertimento , dello  sport e anche della  scuola.

Gli adolescenti attuali preferiscono che  l’amore di coppia  obbedisca  ad una regia  narcisistica,

piuttosto che sottostare  al “  tenebroso impero dell’amore romantico”,

dell’adolescenza dei loro genitori.